Sbarchi e terrorismo: l’allarme del procuratore nazionale Roberti

0 4

«L’ipotesi investigativa da verificare è che soggetti collegati a esponenti dell’Isis operino come supporto logistico ai flussi migratori». A dirlo parlando davanti al Comitato Schengen, è stato Franco Roberti, Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, ed ha aggiunto che «C’è un’indagine ancora in corso da parte della procura di Como che riguarda il supporto logistico per lo spostamento dei migranti verso il Nord Europa, controllato da organizzazioni criminali ma controllato anche da soggetti di provenienza mediorientale o nordafricana per i quali ipotizziamo che possano esserci legami con lo Stato islamico».

Il capo dell’antimafia e dell’antiterrorismo ha proposto la presenza delle forze dell’ordine sulle navi delle ONG che trasportano i migranti «Sulle navi delle organizzazioni non governative dovrebbero esserci ufficiali di polizia giudiziaria che svolgano il proprio ruolo senza intralciare le operazioni di soccorso». Una stoccata alle ONG Franco Roberti l’ha data anche per quanto concerne la presunta copertura dei trafficanti: «Riteniamo che le Ong facciano un lavoro necessario accanto alle navi governative, che non sono sufficienti e non consentono di fare a meno di questa attività di supplenza». Ma «dovrebbero acconsentire ad adeguarsi alle nostre linee guida per quanto riguarda il punto di equilibrio tra salvezza dei migranti in pericolo e accertamento di responsabilità dei trafficanti».

Roberti ha spiegato che mafia e terrorismo hanno diverse similitudini, tra cui simili metodi di finanziamento ed ha messo in guardia da una forma di criminalità organizzata nigeriana ancora più strutturata della nostra mafia che potrebbe radicarsi in Italia con l’arrivo di migliaia di immigrati provenienti da quel Paese.

Dei legami tra criminalità organizzata e terrorismo il Procuratore Franco Roberti aveva parlato mesi fa, in questa intervista concessa ad Arnaldo Vitangeli per “lafinanzasulweb” che vi riproponiamo vista , purtroppo, la sua attualità.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: