Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2017 La Finanza sul Web | Articolo visto 1820 volte 13 febbraio 2017

Nuove privatizzazioni in vista per pagare i bonus di Renzi

Di Vittorangelo Orati  •  Inserito in: Economia Italiana, Primo Piano, Uncategorized

 

I bonus elargiti dal governo Renzi, di cui l’attuale esecutivo è una fotocopia,  hanno portato l’Italia a sforare rispetto agli obbiettivi di bilancio prefissati, senza peraltro alcun vantaggio economico (ne politico, visti i risultati disastrosi per il governo e il PD del referendum),  ed ora  la Commissione Europea presenta il conto e minaccia procedure di infrazione in assenza di una manovra correttiva per un importo pari allo 0,2% del PIL entro aprile. Con le elezioni alle porte (anche nel caso, improbabile, che si arrivasse a fine legislatura si parla di un anno circa) le ipotesi di una manovra correttiva fatta di nuove tasse e tagli, dunque recessiva o quella dell’apertura di una procedura di infrazione a carico del Paese sono entrambe politicamente impercorribili. Ed ecco che, per bocca del ministro dell’economia Padoan, di torna a parlare di privatizzazioni, ossia di svendita di quel poco che resta dell’economia pubblica, un tempo fiore all’occhiello e motore del sistema economico nazionale. In questo caso si parla delle Poste Italiane, azienda strategica anche perchè rifugio sicuro, in epoca di crack bancari, per i risparmi di milioni di italiani.

Nulla di nuovo, queste politiche sono state ampiamente sperimentate in passato, con esiti fallimentari tanto sul debito (che ha continuato a crescere) che sulla forza del sistema Paese. Per non parlare poi degli effetti sull’occupazione, visto che, normalmente, la prima cosa che gli acquirenti fanno è tagliare le spese con massicci licenziamenti.

Nell’ormai lontano 2013 il Prof. Vittorangelo Orati pubblicava, su questo sito e sulla rivista ad esso collegato, un suo contributo sull’argomento.

Ve lo riproponiamo perché, sfortunatamente, a 4 anni di distanza mantiene intatta la sua attualità.

 

A. V.

 

Miseria e\o nobiltà: ovvero la borsa o la vita

Chi non ricorda l’ormai “classico”  film Miseria e nobiltà ( 1954), diretto da Mario Mattioli , con una giovanissima e avvenente Sofia Loren,  e in particolare alcune sue scene da antologia. Tra queste il duetto tra il pubblico scrivano  Totò e il fotografo di piazza  Pasquale ( Enzo Turco) allorché,   ridotti a vestire con le pezze e nella miseria più nera  e con fame arretrata con le loro famiglie,  danno sfogo alla fantasia,  compilando una  ideale lista della spesa  con la somma di denaro ( ampiamente sopravvalutata) ricavabile ( secondo loro) dall’ultimo lenzuolo da impegnare  al Monte di Pietà.

Per sbarcare il lunario sarà necessario per i componenti le famiglie dei due amici travestirsi da nobili , con la goffaggine di chi non ha mai indossato altro che gli abiti della miseria,  rimanendo costantemente preda  di quella che potremmo definire sindrome da “banco dei pegni” rivelata dal furto delle posate d’argento nascoste nelle tasche  durante il banchetto cui finalmente partecipano sotto mentite spoglie i nostri “ morti di fame”.

A quanto appena rievocato  è andata di tanto in tanto la mia “libera associazione” ( Freud) quando i vari ministri dell’economia  che si sono succeduti negli ultimi anni hanno dissipato senza alcun risultato gran parte del patrimonio pubblico italiano  presi dalla febbre della fallimentare vogue  del miniarchismo ( “meno stato più mercato”). Nel mentre a fronte dello attuale tsunami  economico che dura da oltre sei anni  mi prende addirittura  timore e furore panici,   allorché su  quel poco che resta  di quel patrimonio sento ogni tanto  aleggiare il pericolo di cadere sotto un attacco della sindrome  da “banco di pegni”,    di cui risultano vittime  – dopo la tragica lunga parentesi di Tremonti  (da me definito “Chance the Gardner” per la sua incompetenza economica nascosta da lunghe teorie di metafore erboristiche  come il Peter Sellers del film di  Hal Ashby  Oltre il giardino) -  i ministri che gli sono succeduti a via XX Settembre: Grilli e,   appena qualche giorno fa Saccomanni.

L’assalto riguarda gli ultimi “gioielli di famiglia” Eni, Enel, Finmeccanica ai quali prima ancora di Saccomanni da Mosca il viatico era stato dato  da Londra da Letta ( “letto”,  per onoris causa soporifera)  per  tarda contaminatio thatcheriana  e  per farsi bello con l’imbelle  Tory  Cameron. Ma qui altro che miseria,  senza alcuna nobiltà,  neanche per travestimento. Dinanzi al mondo si è denudato non tanto un re quanto un manipolo di giullari travestiti da “uomini di Stato”,  e per benedizione “collinare” con una immeritata aureola di  uomini “ en réserve de la République” che niente meno dopo studi all’estero e prestigiose carriere nella ex Banca d’Emissione  valutano per esempio l’ENEL per quanto questa capitalizza  oggi in Borsa. !!! Viene il sospetto che a partire dalla privatizzazione del monopolio pubblico della elettricità la nostra “classe dirigente”,  che ha forse il complesso della immortalità,   ignori che l’uomo è energia e che rinunciare al dominio pubblico su tale dimensione significa  ignorare,  oltre alla termodinamica e alla legge di entropia,   di aver consegnato   per gran parte ( L’ENEL ha solo il 25% delle utenze in Italia)  alla logica del puro profitto la vita dei cittadini italiani. E poiché il libero mercato della energia significa contendibilità senza frontiere dei relativi  assetti proprietari   ciò significa consegnarsi  potentialiter in mano straniera. La qual cosa tra l’altro fa venir da  ridere nell’autorizzare a pensare che i famigerati F 35 in fase di sconsiderato acquisto valgono più dell’ENEL: ai prezzi attuali di realizzo. Pensiamo a difenderci con dei caccia che par pure pieni di difetti costruttivi,  nel mentre potremmo senza colpo ferire essere dominati a livello di schiavitù attraverso il ricatto energetico di una ostile potenza straniera.

Ma a parte queste considerazioni che fanno “ghiacciare” il sangue nelle vene, il monopolio pubblico dell’energia nessuno lo ha mai collegato all’idea del suo  potenziale come formidabile strumento di politica economica. Pensiamo,  tanto per dare una idea,   ai ritardi  scandalosi nella liquidazione dei venti  più venti miliardi di anticipo sui debiti del settore pubblico verso il mondo delle aziende: con un “fiat lux”   fornito a costo zero fino alla concorrenza del dovuto  si sarebbe risolto il problema in un lampo  ( di luce) magari con un contemporaneo sgravio di imposte.

 E retroattivamente, come non pensare allo scandalo e al suo sostanziale fallimento  della politica meridionalistica e alla corruzione legata alla “filosofia” degli  incentivi pubblici :   contributi in conto interessi e a “fondo perduto” ( mai un caso tanto eclatante di “effetto Edipo”  di una previsione autorealizzantesi). A parte le malversazioni, le corruzioni, le “cattedrali nel deserto”  la esigenza di carrozzoni maleodoranti come Cassa per il Mezzogiorno e “dintorni,  non sarebbe bastato puntare a costi  privilegiati della elettricità per stanare le false conversioni per il Sud da parte di imprenditorialità a tutta truffa? E anche oggi lo strumento in esame sarebbe eccezionale all’interno di una finalmente pensata politica industriale.

Sanno i signori economisti(ci) alla barra di comando di questa nave Italia   alla deriva che vi sono “beni” dal valore infinito  come la vita,  alias energheia (ἐνέργεια)  ?

 L‘Italia è ormai  alla miseria più profonda  a livello etico e intellettuale. Se fino a qualche tempo fa v’era qualcuno che poteva rispondere al richiamo “ socialismo o barbarie” oggi si deve sperare nell’alternativa:  miseria o nobiltà? Nobiltà dello spirito e dell’intelletto, naturalmente:  e prima che sia troppo tardi.

 

PS

 Come non ricordare l’ ENEL nelle mani  dello Scaroni  -  su designazione berlusconiana  – reo confesso ( condanna patteggiata) per aver fatto  in precedenza  per conto di una compagnia straniera imbrogli  con l’ENEL?  E al  suo codazzo di “fidi”  cavalier  serventi lì rimasti in eredità ?  Scaroni ora all’ENI a garanzia dei buoni rapporti PUTIN-Berlusconi e Berlusconi dittotorelli sparsi all’EST con appendice diplomatica (molto  sospetta ) di questi giorni!

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Vittorangelo Orati » Articoli 44 | Commenti: 273

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: