Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2015 La Finanza sul Web | Articolo visto 4329 volte 14 dicembre 2015

Scissione parziale di Setefi a favore di Intesa Sanpaolo

Di Redazione  •  Inserito in: finanza italiana, Flash, Notizie dalle Società

Il Consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo SpA, presieduto da Gian Maria Gros Pietro, ha approvato la scissione parziale  di Setefi SpA (Servizi Telematici Finanziari per il Terziario) a favore di Intesa Sanpaolo SpA. Il relativo verbale è disponibile  dal 9 dicembre scorso presso la sede sociale e nel meccanismo di stoccaggio autorizzato (www. emarketingstorage.com).

Le ragioni di tale scissione ed incorporazione sono illustrate nella relazione del Consiglio di gestione della banca. In sostanza: Setefi  è la società interamente controllata del Gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione dei pagamenti con moneta elettronica, leader nel mercato italiano nel settore dell’acquiring con oltre 330 mila terminali gestiti su tutto il territorio nazionale e si propone agli esercenti come interlocutore unico per tutte le fasi del processo di incasso tramite POS: dall’istallazione e manutenzione dei terminali  ai regolamenti contabili e all’Help Desk. Gestisce inoltre  direttamente le carte di pagamento emesse dal Gruppo Intesa Sanpaolo (circa 13,5 milioni a fine 2014) assicurandone la personalizzazione, la fase autorizzativa dei pagamenti ed il regolamento contabile delle transazioni con i circuiti internazionali.

In coerenza con il modello  prevalente presso i principali competitor nazionali ed internazionali, la scissione parziale riguarda  il ramo d’azienda di Setefi avente ad oggetto l’attività di acquisizione  di strumenti di pagamento nei confronti della clientela captive del Gruppo.  L’operazione, in sostanza, ha lo scopo di concentrare  in Intesa Sanpaolo  la componente commerciale dell’attività di acquiring (come già avviene per l’issuing), in cui il contenuto relazionale e di marketing è prevalente.

Il nuovo assetto organizzativo prevede quindi che  Intesa Sanpaolo  acquisisca e sviluppi le relazioni commerciali con gli esercenti, esternalizzando in Setefi  le attività di gestione degli incassi e dei pagamenti e le attività di processing. Setefi inoltre garantirà per conto di Intesa Sanpaolo l’esecuzione del servizio  finanziario di autorizzazione dei pagamenti  tramite carte, ed i connessi regolamenti contabili.

Questa revisione organizzativa da un lato allineerà Intesa Sanpaolo al modello diffuso sul mercato italiano, che prevede la concentrazione nella banca delle attività commerciali, per ottimizzare la gestione delle relazioni; dall’altro  aprirà alla controllata Setefi  all’operatività non captive,  cioè alla possibilità di costruire rapporti commerciali  anche con clienti diversi da Intesa Sanpaolo.

Non è prevista alcuna emissione di nuove azioni a servizio della scissione da parte di Intesa Sanpaolo poiché  essa,come già detto,  detiene già la totalità del capitale della società scissa.

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Redazione » Articoli 673 | Commenti: 277

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: