Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2013 La Finanza sul Web | Articolo visto 19419 volte 22 ottobre 2013

Prelievo forzoso del 10 per cento sui conti dei cittadini

Di Emanuela Melchiorre  •  Inserito in: Finanza, finanza italiana, Primo Piano

Il Fondo Monetario Internazionale ha suggerito nel suo Fiscal Monitor di ottobre (pag. 45) di prelevare forzosamente il 10% sui saldi dei conti correnti di 15 paesi dell’Euro-zona (compresa l’Italia) per riportare il debito sovrano di tali paesi a livelli considerati sostenibili. Secondo il FMI il prelievo forzoso sui conti correnti diventerebbe una “necessità” per ridurre il debito pubblico e per evitare di appesantire il carico fiscale delle aziende e di ridurre gli stipendi. Se fosse applicato il provvedimento provocherebbe, con buona probabilità, una fuga di capitali dalle banche europee oltre che impoverire ulteriormente i cittadini europei, già fortemente provati dalla crisi economica e dalla disoccupazione generalmente diffusa.

Nella storia  un simile esperimento è già stato fatto. Come lo stesso rapporto del FMI ricorda, i prelievi forzosi sono stati eseguiti sia in Germania al termine della Prima Guerra Mondiale, sia in Giappone, dopo la Seconda Guerra Mondiale, con risultati ben differenti da quelli sperati. Si verificò infatti una fuga dei capitali da quei due paesi e un’impennata dell’inflazione.

Anche per L’Italia un prelievo forzoso sui conti correnti non sarebbe una novità assoluta, poiché è già stato sperimentato con il governo Amato. Nella notte fra il 9 e il 10 luglio del 1992, infatti, venne prelevato il 6 per mille da ogni deposito per effetto di un decreto legge. Nello stesso decreto legge fu introdotta anche la patrimoniale sugli immobili che, dato il disorientamento generale dell’opinione pubblica generato dalla reazione alla sottrazione notturna dei loro risparmi, da balzello straordinario poté diventare ordinario senza suscitare una adeguata indignazione.

In questa occasione, la stampa ha levato gli scudi a favore dei correntisti. La reazione è stata massiccia. Ma il futuro resta cupo, poiché un altro provvedimento pericolosamente strumentale a questo primo aleggia sui risparmi e sulle disponibilità economiche dei cittadini. Con il pretesto della lotta all’evasione fiscale, infatti, si sta meticolosamente instillando nell’opinione pubblica la necessità di rinunciare all’uso del contante per cifre sempre più esigue. I più radicali ipotizzano anche di ridurre la soglia della libera circolazione del contante a cifre inferiori ai 100 euro. Questo comporterebbe che tutti i cittadini sarebbero costretti a fare uso di bonifici, assegni e più presumibilmente carte di credito per regolare ogni singola attività quotidiana, anche la più comune e familiare, con un aggravio della libertà economica del cittadino e un capillare controllo di tutti i suoi movimenti. Non da ultimo, la “tracciabilità” dei pagamenti rappresenterebbe un immeritato regalo alle banche, le quali gestirebbero la totalità delle nostre operazioni economiche, con ampio lucro. Le banche diventerebbero allo stesso tempo gestori di una mole di informazioni estremamente appetibile per qualsiasi governo, legittimamente eletto o “di emergenza”, come si usa dire oggi. 

Un’ultima riflessione completa il quadro delle perplessità sulla massiccia attenzione che gli istituti internazionali stanno sollevando sui conti correnti dei cittadini. Costringere con strumenti sempre più coercitivi a versare l’intera disponibilità finanziaria sui conti correnti da un lato e l’eventualità di un prelievo forzoso su tali conti dall’altro potrebbero essere due provvedimenti di un medesimo piano spregiudicato di salvataggio delle banche sulla soglia del fallimento con i soldi degli stessi correntisti. Questo timore si rafforza quando si legge la Relazione annuale del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi per l’anno 2012, ossia del Fondo preposto alla garanzia dei depositi dei correntisti fino a 100 mila euro. Secondo tale relazione  i fondi rimborsabili ammontano a 476,1 mld di euro (giugno 2012); l’ammontare dell’impegno per interventi 2013, pari allo 0,4% dei fondi rimborsabili totali, si attesta a circa 1,9 mld di euro. Ossia solamente lo 0,4% dei depositi oltre i 100 mila euro sarebbero garantiti da tale ente. In caso di default generalizzato quindi il fondo non avrebbe i mezzi necessari per garantire i risparmi dei cittadini italiani.

 

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Emanuela Melchiorre » Articoli 70 | Commenti: 240

Emanuela Melchiorre è un’economista e una giornalista che ha collaborato con importanti istituti di ricerca nazionali, con il dipartimento di economia pubblica dell’Università La Sapienza di Roma e con l’Investment Centre della Fao. Scrive regolarmente di economia politica e di politica economica su giornali e su riviste specializzate. ---- Emanuela Melchiorre is an economist and a journalist. She has worked with national research institutes, with the Department of Economics at the University La Sapienza of Rome and the FAO Investment Centre. She writes regularly in newspapers and magazines about Economics and Economic Policy.

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

  • ANAGRAFE TRIBUTARIA, SEGRETO BANCARIO ADDIO!

    Entro il 31 ottobre del 2013 uffici postali, banche, società di gestione risparmio, assicurazioni e così via dovranno far pervenire all’Anagrafe tributaria tutta una serie di informazioni sui conti correnti:...

  • IL FISCO NON DORME MAI

    L’imposta sui rendimenti dei risparmi degli Italiani da domani subirà l’ennesimo aumento. Tutto il risparmio, insomma, sarà tassato al 26%, con l’eccezione di Bot, Btp e buoni fruttiferi postali nonché...

  • Perché i capitali escono dalla Russia

    di Marina Talskaya 1 Il Paese ha disperato bisogno di investimenti, ma da alcuni mesi si verifica una fuga di capitali La fuga di capitali va avanti già da alcuni mesi. Secondo...

  • Riforma del sistema bancario: voti su bonus bancari, capitale e prestiti

    Il Parlamento approverà un tetto per i bonus bancari, rafforzerà i requisiti patrimoniali delle banche e renderà più facile la concessione, da parte delle banche, di prestiti alle piccole imprese,...

  • FISCO, UN’ESTATE DI PASSIONE

    C’è una atmosfera di attesa e di indeterminatezza che pervade questa estate incerta non solo da un punto di vista metereologico . Si è in attesa di un segnale da...

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: