Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2013 La Finanza sul Web | Articolo visto 7941 volte 05 aprile 2013

GLOBAL CROWDFUNDING DAY: COME SI FINANZIERÀ LA PROSSIMA GENERAZIONE DI GIOVANI IMPRENDITORI

Di Emanuela Melchiorre  •  Inserito in: Finanza Internazionale, Flash

Il 5 aprile 2013, è stato lanciato il “call to action” globale per invitare le persone di tutto il mondo a venire fuori e a mostrare il loro sostegno a gli imprenditori, nascenti e affermati, incoraggiando attività di crowdfunding. In particolare, il Global Day crowdfunding è un evento che si rinnoverà ogni anno il 5 aprile e permetterà di dimostrare il “potere della folla”, misurato sulla base di quanti soldi possono essere raccolti in 24 ore sui siti di tutto il mondo crowdfunding. L’invito quindi è partecipativo e comunitario, in perfetta coerenza con lo spirito della rete.

Negli Stati Uniti, il crowdfunding è una pratica molto diffusa e presente già dal 2006, per finanziare idee innovative (come avviene su “Kickstarter”, il più noto sito di crowdfunding  che conta più di 300 mila finanziatori e più di 30 milioni di dollari raccolti nei primi 18 mesi di vita – Link alla directory di tutti i siti crowdfunding al mondo ).

È stata scelta la data del 5 aprile perché il 5 aprile 2012 è stato firmato il Jumpstart Our Business Startups Act (JOBS Act) la legge fondamentale che ha già cambiato negli Stati Uniti il modo di creare posti di lavoro e di aumentare il capitale, per stimolare l’economia globale e aiutare le imprese nuove a nascere o quelle già esistenti a crescere.  Il presidente Obama aveva presentato la Startup America Initiative già il 31 gennaio 2011, e nel corso di quell’anno aveva raccomandato diverse riforme volte ad aumentare la capacità delle piccole imprese di raccogliere capitali. Nel febbraio del 2011, tre Crowdfund Capital Advisors,  Jason Best, Sherwood Neiss e Zak Cassady-Dorion, si riunirono e formarono la “Startup Exemption”, con l’obiettivo di creare una lobby a Washington, DC per aggiornare le leggi federali e rendere così legale il ricorso per gli imprenditori al crowdfunding . Il fine dichiarato era quello di raccogliere in tal modo una discreta quantità di finanziamenti iniziali e di micro-investimenti.

Oggi la comunità crowdfunding è diventata globale, amplificatasi soprattutto dopo lo scoppio della bolla speculatva dei subprime del 2008 e alimentata dalla diffidenza crescente nei confronti della finanza speculativa. Attualmente a livello mondiale esistono 452 piattaforme di crowdfunding, con un ritmo di crescita del 63% annuo. L’Italia ancora fatica ad adeguarsi a questa ventata di innovazione finanziaria, fortemente orientata al finanziamento di progetti imprenditoriali, sia per via dell’analfabetismo informatico, ancora largamente diffuso, sia per la diffidenza che gli italiani nutrono nei confronti della rete e dell’utilizzo di carte di credito.

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Emanuela Melchiorre » Articoli 71 | Commenti: 344

Emanuela Melchiorre è un’economista e una giornalista che ha collaborato con importanti istituti di ricerca nazionali, con il dipartimento di economia pubblica dell’Università La Sapienza di Roma e con l’Investment Centre della Fao. Scrive regolarmente di economia politica e di politica economica su giornali e su riviste specializzate. ---- Emanuela Melchiorre is an economist and a journalist. She has worked with national research institutes, with the Department of Economics at the University La Sapienza of Rome and the FAO Investment Centre. She writes regularly in newspapers and magazines about Economics and Economic Policy.

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

  • BREVI NOTE SUL CROWDFUNDING

      di Enrico Schenato* Con il termine crowdfunding ci si riferisce usualmente al finanziamento di progetti da parte di una “massa” di investitori, a mezzo di elargizioni in denaro (funding) effettuate attraverso...

  • Informazione e potere: i crimini informatici

    I siti internet e i social network raccolgono un gran numero di informazioni che ci riguardano. Perchè vengono raccolti e quale rischio corre l’utente? Abbiamo intervistato Alessia Gianaroli, docente ed esperta...

  • Fare impresa in Italia: intervista a Francesco Ferri

      Come tutti sappiamo l’Italia non è certo un paese dove sia facile fare impresa, specie per i nuovi giovani imprenditori. Ma ha ancora senso essere imprenditore in Italia? lo abbiamo...

  • Sicurezza nucleare: servizio completo della conferenza FLAEI CISL

    La FLAEI CISL ha organizzato la conferenza internazionale “Atoms for Peace 2012″ dal titolo Knoledge Management: A Key Element To Assure Nuclear Safety che si è svolta a Roma il...

  • India: i black out e le potenzialità delle fonti rinnovabili

        di Pierluigi Orati   L’attenzione mediatica su quello che può essere considerato il black-out più imponente del mondo (ha colpito oltre 600 milioni di persone) poteva essere maggiore, ma evidentemente l’occidente tende...

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: