Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2013 La Finanza sul Web | Articolo visto 12361 volte 01 agosto 2013

Federal Reserve: l’ubriaco chiede vino

Di Redazione  •  Inserito in: La Coda dello Scorpione

Le Borse esultano. Sta forse migliorando l’economia reale? Per trovare qualche progresso bisogna usare la lente d’ingrandimento, e dimenticare tutto il resto che continua ad andar male. E non è detto che qualche segno di miglioramento, che qualcuno scorge anche in Italia non sia, come il lavoro di tanti  italiani, precario ed a termine.

Ma allora perché le Borse, non solo in Italia, ieri hanno tirato un respiro di sollievo, festeggiando con indici in rialzo? Gli operatori  finanziari temevano che  il Fomc, cioè il braccio di politica monetaria della Federal Reserve americana , cominciasse a porre un freno  al “quantitative easing”, cioè alla politica di stimolo monetario all’economia con iniezioni massicce di liquidità ed un costo del denaro a zero, o poco al disopra . Per le banche naturalmente, non certo per i comuni mortali.

Ed invece, gioite! Gioite! La Fed ha confermato il costo del denaro tra lo 0 e lo 0,25%, più ulteriore liquidità per 85 miliardi di dollari al mese, sotto forma di acquisto di obbligazioni.

Insomma: lo spacciatore non farà mancare droga monetaria  ad un mondo finanziario che senza essa crollerebbe in crisi d’astinenza.

Ma quando finirà questa sorta di “doping” finanziario? Nei bei tempi, quando la sola droga di massa era il vino, si diceva “l’ubriaco chiede vino”. Cioè più uno era ubriaco, più , vociando e farfugliando, voleva altro vino. E l’oste, guadagnandoci, non diceva mai di no.

La finanza di oggi non è molto diversa da quell’ubriaco

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Redazione » Articoli 657 | Commenti: 364

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: