Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2013 La Finanza sul Web | Articolo visto 13506 volte 04 luglio 2013

Censimento del Formez: quasi 57.000 le auto pubbliche ma solo il 4,2% dello Stato

Di Redazione  •  Inserito in: Economia Italiana

 

Un parco auto da 56.886 vetture ( tra le quali 6.723 le cosiddette “auto blu”, cioè di rappresentanza), quello in dotazione alla Pubblica Amministrazione al 1° giugno 2013, con un calo del 4,7% rispetto al 1° gennaio 2013 e del 7,4% rispetto al 1° gennaio 2012. Le PA locali ne possiedono il 92,1%, a fronte del 7,9% detenuto dalle amministrazioni centrali. Il 42,5% va ai Comuni, il 30,4% alle ASL e Aziende ospedaliere, mentre il  4,2% alla PA centrale in senso stretto (Ministeri, Enti previdenziali, Università, Enti pubblici).

 Ma il calo delle auto blu (cioè quelle di rappresentanza in uso ai vertici delle amministrazioni, o comunque di servizio guidate da un autista) è più consistente: 6,3% nei primi 5 mesi del 2013, 13,7% rispetto al 1° gennaio 2012.

 A rilevarlo è il Censimento permanente delle auto pubbliche, realizzato da Formez PA su incarico del Ministero per la PA e la Semplificazione. Il rapporto è disponibile sui siti www.funzionepubblica.gov.it e www.formez.it.

Gli enti che hanno risposto al censimento sono 8.293, pari al 94,6% dell’universo di riferimento. Il ministro per la PA e la Semplificazione Gianpiero D’Alia ha commentato così: “Nel nostro Paese le auto blu restano ancora troppe: vanno assolutamente ridotte e su questo intensificheremo un monitoraggio rigoroso. In particolare – aggiunge D’Alia – non sono ammissibili i livelli che si registrano ancora nelle Regioni del Sud: devono darsi immediatamente una regolata, perché di fronte alle difficoltà dei cittadini non è più tempo di sprechi e incomprensibili privilegi”.

  Il nuovo dossier presentato da Formez PA sui dati del censimento permanente delle auto pubbliche – previsto dai DPCM 3 agosto 2011 e 12 gennaio 2012 – riepiloga l’evoluzione del parco auto delle PA nei primi 5 mesi del 2013. L’obiettivo è quello di valutare l’impatto delle policies varate in materia dal Governo, divenute ancora più stringenti grazie alla Legge di stabilità del 24 dicembre 2012 n. 228, che espressamente prevede, fino al 31 dicembre 2014, il divieto per le PA di acquisto di nuove autovetture e di stipula di contratti di locazione finanziaria aventi ad oggetto autovetture. Unica eccezione è rappresentata dagli acquisti per “i servizi sociali e sanitari svolti per garantire i livelli essenziali di assistenza”.

Auto blu: la maggior parte al Sud ed ai Comuni

La quota di auto blu (cioè quelle di rappresentanza in uso ai vertici delle amministrazioni, o comunque di servizio guidate da un autista) è di 6.723 unità, pari all’11,8% del totale (cui vanno aggiunte parte delle 124 auto blu in forza agli organi costituzionali, non soggetti alla rilevazione). La massima concentrazione è nei Comuni (38,9% sul totale auto blu), nella PA centrale (22,4%) , nelle ASL (11,6%) e nelle provincie ( 8,0%).

 Il rapporto tra le auto blu e il parco macchine della PA risulta ancora particolarmente alto al Sud, in particolare in Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, dove le percentuali sono comprese fra il 25,5% e il 27,1% a fronte di una media nazionale dell’11,8%. Per quanto concerne i numeri assoluti delle amministrazioni locali, la Sicilia, nonostante una sensibile riduzione dal 2012, è al primo posto con 763 auto blu, seguono la Campania 547,  la Lombardia 544 e la Puglia con 482.

 Nei primi 5 mesi dell’anno 2013, le nuove acquisizioni sono state 236, di cui 57 per auto blu; le dismissioni sono state 2.933, di cui 479 di auto blu.

 

 Per quanto riguarda le nuove acquisizioni, solo il 41,9% è avvenuto attraverso un acquisto in proprietà: infatti, 134 unità sono state acquisite in leasing/noleggio e 3 in comodato. Riguardo alla cilindrata, il 90,3% delle nuove acquisizioni delle auto è inferiore ai 1.600 cc..

 Delle acquisizioni di auto blu, 50 riguardano la PA locale e 7 la PA centrale. Le auto di proprietà delle amministrazioni rappresentano l’82,3% del totale.

 Nei primi mesi del 2013 l’andamento delle nuove acquisizioni e dismissioni rileva alcuni dati significativi:

 - un saldo di -2.697 autovetture, con una riduzione del parco auto pari al -4,7%;

 - per quanto concerne le auto blu, la riduzione è più marcata, a livello di comparto, nelle Province (-12,5%), negli Enti di ricerca (-10,6%), nelle Autorità territoriali e portuali (-10%), nella PA centrale (-9,5%), nei Consigli Regionali (-7%). Su scala territoriale, la diminuzione riguarda, in special modo, l’Emilia Romagna (-15,5%) e il Lazio (-10,7%) e la Campania (-10,3);

 - le nuove acquisizioni hanno riguardato in prevalenza i noleggi e i leasing (134 auto) rispetto a quelle in proprietà (99 unità);

 - per effettuare gli acquisti, la procedura prevalente è stata rappresentata dalla procedura negoziata (50,4% dei casi).

Nel complesso, la stima della riduzione delle auto blu nel corso dei primi 5 mesi del 2013 è di 451 vetture, pari al-6,3%.

 

Monitoraggio sui costi da maggio scorso

 

Grazie al nuovo monitoraggio annuale sui costi, che è partito a maggio 2013 e terminerà il 30 giugno, sarà possibile verificare le variazioni della spesa intervenute nel 2012. Alla luce della nuova stretta inserita nella legge di stabilità del 2012, si prevede un’ulteriore, netta riduzione. Il risparmio totale nel 2013 rispetto al 2009 dovrebbe superare i 300 milioni di euro annui. Si prevede non solo un ulteriore taglio delle auto blu e una riduzione del personale dedicato, che ancora incide pesantemente sul totale della spesa, ma anche un’ottimizzazione dell’utilizzo dell’intero parco auto già detenuto con l’obiettivo di aumentare:

 - l’efficienza ed efficacia rispetto alle funzioni /servizi cui le auto sono adibite;

 - la trasparenza nel loro uso;

 - la salvaguardia dell’ambiente;

 - il ricorso preferenziale ai mezzi di trasporto pubblico nei casi di compatibilità con le effettive esigenze operative delle amministrazioni.

 I dati sono inseriti direttamente dalle singole amministrazioni in tempo reale e sono consultabili attraverso i siti di Formez PA, del Ministero per la PA e la Semplificazione:

 Dati censimento (http://156.54.102.224/public.aspx) – Dati spesa (http://156.54.102.224/publicM.aspx)

 Chiunque fosse interessato a conoscere il numero, la cilindrata, il titolo di possesso, la modalità di utilizzo, la marca delle auto pubbliche di una specifica amministrazione, può collegarsi al seguente link http://156.54.102.224/public.aspxed effettuare una ricerca dell’ente d’interesse, utilizzando i filtri denominazione ente/Regione/comparto.

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Redazione » Articoli 656 | Commenti: 479

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: