Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2012 La Finanza sul Web | Articolo visto 16620 volte 23 luglio 2012

La Grande crisi globale: “Dall’Ovest nulla di nuovo”

Di Vittorangelo Orati  •  Inserito in: Ricerche e Studi

Dopo le “prediche inutili” di Luigi Einaudi forse un giorno si ricorderanno le mie “disperanti grida” che denunciano da tempo la  pericolosa impreparazione scientifica di quanti a vario titolo rivestono ruoli rilevanti nel panorama dei “guru”  e dei potenti del mondo economico-finanziario. Insomma più che in mano a  “cattivi”  siamo in mano a inetti,  del tutto “pompati” e passed come sommi pontefici del sapere economico dalla deleteria  “società dello spettacolo” che non spira giorno che non debba piazzare sul mercato i suoi prefabbricati  idola fori e idola theatri. E credo non vi sia nulla di peggio per il genere dell’homo sapiens che affidare  i suoi destini  a dei leader incapaci. E’ certamente questa una delle chiavi per comprendere quello che appare essere il definitivo “tramonto dell’Occidente”.

E’ un vero peccato che  “Il Sole 24 Ore” assolutamente encomiabile nella sua missione informatrice sia tra le vittime suicide nel deliberatamente  perimetrarsi entro il normalmente  stabilito in materia di “politically correct”. Esaurendo quindi il suo panorama informativo al falsamente alternativo,  individuabile  in materia di “scienza triste” tra le riserve strategiche del “pensiero unico” in caso di una sua caduta di credibilità e da tale pensiero unico allevato proprio in vista di una tale occorrenza.

Così in un falso afflato  ecumenico che pretende di esaurire tutte le possibili  posizioni scientifiche  nei confronti di diagnosi e terapia della immane crisi globale, nel suo sito on line del 14 luglio scorso  il foglio rosa  di viale Dell’Astronomia  dava conto  in sintesi della “variegata” geografia teorico-dottrinale  in materia di misure  anticrisi assumendo come criterio discriminante quello  dell’alternativa:  austerity/aumento della spesa pubblica.

Come era da prevedersi il panorama offerto è avvilente. Le forze in campo sono quelle che troverebbero riscontro tra i due estremi rappresentati dalla  professione di fede di Obama e della Merkel  in materia di  politica economica: intervento dello Stato con spesa pubblica a sostegno della domanda aggregata versus conti in ordine e recupero competitività per  adeguarsi alle sfide dei Paesi emergenti. Insomma keynesiani contro neoliberisti,  che è come dire l’eterno dualismo che attraversa l’intera storia del pensiero economico:  interventismo/non interventismo o naturalismo economico pro laissez-faire.

Tra i “keynesiani “è messo in evidenza il  nome  del Nobel Krugman ( keynesiano  eclatantemente da barzelletta,  come ricorderò più innanzi)  e  quello di Richard Layard della London School of Economics (Lse),  tra i firmatari del “Manifesto for Sound Economics” che denuncia  “ l’eccessivo rigore delle politiche fiscali in molti paesi” e contemporaneamente  propugna “ politiche pubbliche … come forza stabilizzatrice, a sostegno della spesa”. Anche l’altro  “keynesiano”  da bancarella e Nobel Stiglitz sarebbe su tale posizione ancor più radicalmente orientato in chiave interventista.

Vi sarebbero poi i “keynesiani a metà” vedi Summers  e  De Long che in  Policy in a Depressed Economy, marzo 2012   si sono  espressi per una spesa pubblica vincolata a certe condizioni: che essa non comporti un aumento del rapporto  debito pubblico/Pil il che  – del tutto infondatamente, come vedremo - sarebbe assicurato solo nel caso  in cui la spesa statale desse luogo a una crescita del Pil  maggiore del deficit pubblico che la generasse(?).

Viene infine ricordato il duo, invero pestifero,  Alesina-Giavazzi , che avrebbe fatto scalpore in quanto pur patrocinatore di una politica pro austerity  avrebbe attaccato il governo Monti per aver puntato più sull’aumento della pressione fiscale che  non sulla riduzione della spesa  pubblica “improduttiva” : con ciò dando luogo a una recessione più intensa che non nel caso della loro ricetta.

E veniamo ai peccati mortali della informazione a metà che come le mezze verità è peggiore di una bugia!

I keynesiani  “da barzelletta” o  “da bancarella” che con massimo scorno trovano la loro punta di diamante nei due Nobel Krugman e Stiglitz,  semplicemente ignorano  e continuano a ignorare il centralissimo capitolo  XXIII della General Theory del loro vate Keynes. In tale capitolo il futuro  Lord Maynard  “apre” il suo “modello”    subordinando la sua “salvifica” strategia anticrisi all’adozione irrinunciabile di misure protezionistiche. Abbiamo a lungo altrove sviluppato le implicazioni di tale vincolo nell’attuale situazione di Globalizzazione pur  criticando alla radice il paradigma di Keynes e mostrando come in tale circostanza egli fosse però stringentemente  coerente con il suo “modello”. Cosa che non può dirsi dei suoi attuali eredi e adepti.

Figuriamoci poi cosa ne sappia Summers & Co. della General Theory, che nel caso di specie ignorando il teorema del Nobel Haavelmo – da noi recentemente riesumato -   manca di citare l’unica condizione che permette  alla spesa pubblica di operare a favore dell’aumento del Pil  con spesa pubblica che non aumenti il deficit e il debito pubblico: la sua totale copertura con tassazione! Senza questa condizione quelle da lui suggerite sono bubbole!

Degli ineffabili Alesina e Giavazzi che dire se non che ricordano la distinzione tra carnefici “buoni “ e “cattivi”: i primi torturando con attrezzi in ferro gli altri in acciaio “temperato”. Per non dire della loro nascosta scoperta che risolverebbe l’annoso e irrisolto problema  ( in verità gli abbiamo da un paio di anni dato una “sistematina”) della distinzione tra  spesa  “produttiva / improduttiva”. Ma come chiedere tanto a Harvard e la Bocconi visto già quanto gli si deve per i loro contributi all’umanità e alla scienza!

PS

L’unico che pare abbia le idee chiare come da novella “respiratona” ( che  pare si accompagni alle  “ideone” di Passera)  di sana area di mare dai ponti del Britannia è Il super Mario Draghi che deve aver deciso di calmare il “Ricardo furioso”. Furioso per essere ricordato malamente e  a metà come fondatore della dottrina del free trade. Il “grande” economista  nel vantare i pregi dei costi/vantaggi comparati in regime di libero scambio non manca di sottolineare come da tale panacea risultassero esentati i percettori di salari che nulla ne avrebbero guadagnato  (a onta della propaganda della “ Lega di Manchester”). Salari ai sui tempi a livelli di mera sussistenza fisica. Nei nostri tempi,  lì dove si ecceda  ancora una tale sussistenza ancorché tale a livello “storico” , come ci ricorda la BCE e il suo presidente  il 12 luglio scorso, il modo per contrastare la crisi e rilanciare la concorrenza e quindi lo sviluppo nei Paesi in crisi  consisterebbe nella decisione di  tagliare i salari: che genio italico da esportazione, quelle idée!

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Vittorangelo Orati » Articoli 44 | Commenti: 230

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: