Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2012 La Finanza sul Web | Articolo visto 28754 volte 23 ottobre 2012

Gli effetti recessivi dei provvedimenti del Governo Monti

Di Emanuela Melchiorre  •  Inserito in: Economia, Economia Italiana

Intervista al Prof. Mario Tiberi

Ordinario di politica economica all’Università La Sapienza di Roma

Il servizio video si riferisce alla recente intervista che il Prof. Mario Tiberi, professore ordinario di Politica Economica dell’Università la Sapienza di Roma, ha rilasciato a LaFinanzasulweb sulle misure economiche che il Governo Monti ha approntato durante il suo mandato e sugli effetti recessivi che tali decreti hanno avuto sull’economia italiana.

Il motivo di un segno restrittivo delle politiche economiche montiane è da leggersi nell’ambito più ampiamente europeo e nella necessità di tutti i paesi europei caratterizzati da deficit nei bilanci pubblici di rientrare nel proprio debito. Tuttavia è opinione del Prof. Tiberi che esistano margini per attuare politiche di crescita all’interno dell’Unione europea purché tali politiche siano approntate e coordinate a livello europeo.

La via recessiva prescelta, dell’aumento dell’imposizione fiscale, tuttavia, non porterà prevedibilmente ad un rientro del deficit pubblico in quanto ha un forte impatto sulla disponibilità economica della popolazione e quindi sulla domanda. Questo da un lato comporta, come la stessa teoria economica insegna, una restrizione della produzione per l’aumento dei costi delle imprese e la difficoltà di allocazione sul mercato della produzione. Dall’altro lato si avrà un impatto negativo sul piano della redistribuzione, ovvero sul principio cardine dell’intervento pubblico nell’economia.

Il messaggio di moderato ottimismo che Mario Monti ha voluto lanciare con la riduzione delle aliquote fiscali di un punto percentuale sugli scaglioni più bassi contrasta con la riduzione delle detrazioni fiscali che verranno meno già da quest’anno e con l’aumento dell’iva che inciderà in maniera uniforme su tutta la popolazione e, pertanto, in forma regressiva sulla popolazione a basso reddito.

D’altro canto la mancanza di risorse per finanziare interventi espansivi nell’ambito nazionale impone scelte di rigore e la ricerca di uno spazio per l’espansione deve dirigersi quindi, secondo l’opinione del Prof. Tiberi, verso il contesto europeo. L’imperativo è oggi il coordinamento internazionale.

In un contesto di disoccupazione diffusa, impulsi dal lato della domanda possono venire dalla politica monetaria, così come Mario Draghi sta attuando. A livello europeo potrebbero venire forti impulsi espansivi con investimenti in infrastrutture.

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Emanuela Melchiorre » Articoli 71 | Commenti: 344

Emanuela Melchiorre è un’economista e una giornalista che ha collaborato con importanti istituti di ricerca nazionali, con il dipartimento di economia pubblica dell’Università La Sapienza di Roma e con l’Investment Centre della Fao. Scrive regolarmente di economia politica e di politica economica su giornali e su riviste specializzate. ---- Emanuela Melchiorre is an economist and a journalist. She has worked with national research institutes, with the Department of Economics at the University La Sapienza of Rome and the FAO Investment Centre. She writes regularly in newspapers and magazines about Economics and Economic Policy.

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: