Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2012 La Finanza sul Web | Articolo visto 11888 volte 28 maggio 2012

Dopo le “quote rosa” un’altra offesa all’intelligenza incombe sull’economia e la società italiana: il “giovanilismo”.

Di Redazione  •  Inserito in: Ricerche e Studi

Di Vittorangelo Orati

Sul mio onore, ciò che evocherò come ricordo è pura e cristallina verità. Servirà come incipit per marcare la differenza tra  la generazione della così detta “gioventù bruciata” e  la gioventù  attuale  onde formulare qualche considerazione tra un ennesimo segnale del pericoloso regresso generale – segnatamente della sua così detta “classe dirigente” -  che è alla base della società dell’ex “Bel Paese” e del suo caratterizzarsi ormai  come paese in via di sottosviluppo.

La epocale rottura con la supina  e indiscussa accettazione   della disciplina  del pater familias  verso i figli, durata millenni , la si registrò nei primi anni ’60 del “secolo breve” con la nascita del fenomeno della “contestazione” che maturò fino a esprimersi nelle speranze del poi sconfitto ’68. Non fu, come sempre nella storia,  qualcosa che nasceva dal nulla ma fu veicolato da una cultura “alternativa”, rispetto  a quella sin lì tramandata,  proveniente da  quanti molto più anziani di noi  – se non vecchi in assoluto –  finimmo per sceglierci come nostri maestri  che a loro volta ci veicolarono agli autori  e ai libri che stavano dietro la loro formazione. Come poi non potevamo non scoprire,  anche nel nostro caso la leva archimedica fu il goethiano  bildungsroman   (“romanzo di formazione” ) che molto velocemente assunse carattere lato,  transitandoci  dalla narrativa alla saggistica non già in un territorio di generi escludentesi ma in un ampliarsi del concetto di “letteratura”,   coincidente con quello di “buoni libri” e “buone letture” tout court ,  comprendente,  e con ampio peso ponderale,  quello della “settima arte”. In tutto questo fragorosamente assente se non addirittura inimicale   fu il ruolo e il clima della scuola e quanto poi riscontrammo e  trovammo all’università. Un episodio fra tutti: alle superiori, condotti in biblioteca dalla insegnante di italiano  o per sceglierci libri da leggere o per vederseli affibbiare nel caso dei più deboli tra noi negli elaborati scritti, risultando tra gli eccellenti fui avvicinato da un compagno ( ne ricordo volto e nome) che mi chiese cosa pensassi di un romanzo di Cronin  consigliatoli in chiave pedagogica. Senza accorgermi che la “pedagoga” era dietro alle nostre spalle con le orecchie puntate,  ebbi a catalogare il mediocre narratore inglese come “idoneo alle cameriere”. Il risultato fu che fino agli esami di maturità non superai mai più la scarsa sufficienza senza commento  ai miei temi con quella docente che così pensò bene di punirmi e vendicarsi, piuttosto che aprire un dibattito in classe, per esempio,  su storia della letteratura e letteratura senza storia. Anche se l’allora dilagante Grand Hotel   e i primi successi della televisione e dei suoi “ sceneggiati” (  oro colato  rispetto alle posteriori diarroiche  e senza fine  pluridecennali telenovele )  tra le fantesche  ( le “cameriste” del simpatico Gozzano dell’ “ Elogio degli amori ancillari”) avrebbe giustificato  un approfondimento in classe   sul fenomeno  sociologico della nascita  della “cultura di massa” in Italia  alla luce del pur sintetico e apodittico mio giudizio su Cronin,   su cui,  semmai,  sarei dovuto essere stato chiamato a  relazionare. Quindi Montale, Lorca, i “poeti maledetti” francesi,  invece degli insopportabili Carducci e Pascoli ammanniteci anno dopo anno,  dal grembiule ai calzoni alla zuava ai primi jeans; e  Mann, Proust, Joyce Svevo, Wilde, Salinger del “giovane Holden” insieme al “Rapporto Kinsey”, le monografie su Trotsky e Stalin di Isaac Deutscher  (che servì   per comprendere in anticipo  il necessario fallimento  dell’URSS), la sinistra freudiana di Wilhelm  Reich e connessa “rivoluzione sessuale”,  invece dei misteri insondabili perché censurati sul passato della “Monaca di Monza” e solo generici riferimenti al “Decamerone”, presumibilmente e per assurdo in quanto troppo “boccaccesco”. E contemporaneamente il “Perché non sono cristiano”  e “Matrimonio e morale” di Bertrand Russell  poi seguiti da “La storia della filosofia occidentale”  con la sottesa rivalutazione del progresso scientifico  e della logica matematica invece che la logica hegeliana ancora  esclusivamente insegnata nel corso di Logica alla Federico II,   appunto,  negli anni ’60  del secolo scorso! Ma questo solo in grossolana approssimazione  rispetto al mare di letture e film  accesamente discussi sino a tarda notte  sui “muretti”,   nell’incanto dell’estivo cielo stellato di Napoli  o accalcati nell’auto del padre del più ricco tra noi  con i vetri appannati negli insopportabili inverni , comunque entusiasti della vita e del futuro in amene soste  con sullo sfondo il luccichio delle luci di Capri  e Sorrento e dell’intero golfo della antica Partenope che di quel futuro sembravano sicuri auspici e  disvelati caveaux: cosa altro pensare potesse essere dispensato da tanta  cornucopia di bellezza,  e,   anche se non  ne tenevamo conto, da un sistema ormonale in pieno rigoglio non da ultimo  con i suoi riflessi sulle sinapsi e dal senso di forza che ci faceva  sentire “ giovani leoni” certi di poter in ogni caso migliorare le sorti del mondo ? Naturalmente non mancavano le partite a pallone per le strade asfaltate ( e pesantemente contundenti) e  immancabilmente in discesa  (fittare uno dei rarissimi campetti di calcio sfuggito al sacco della città  da parte dei primi “palazzinari”-  vedi Le mani sulla città di Rosi-  risultava impresa improba oltre che onerosa ) e le intere veglie a giocare a poker,  nel tentativo di ricavarne  un po’ di soldi per le sigarette e il cinema d’essai ( per non perderci Bergman, il free cinema inglese e la nouvelle vague francese , l’Amleto sovietico  e Eisenstein, senza trascurare Visconti,  Antonioni, e il primo Fellini )  magari con pizza e birra, o per pagare la rate dal pazientissimo  libraio,  sperando di togliere  lire ai, pochi tra noi,   fortunati “figli di papà”.

Ma pienamente convinti che il presente e quindi il futuro rispetto all’attimo fuggente fosse annunciato dal passato,  come madre rispetto al frutto del suo grembo ( secondo la lezione del divorato Luckacs  de Il presente come storia ),  nutrivamo autentico timor reverentialis  per “ i più grandi”  appena appena potenziali narratori di un passato a noi precluso  come esperienza, empirico test  di quella nostra.  solo libresca. Era così verso i padri  dei nostri amici – perché delle storie del nostro non ci fidavamo per un ancora non elaborato patricidio freudiano o perché sospetti delle  falsificazioni  o censure ad usum Delphini –  o  verso  gli zii scapoli  ancorché attempati in odor di passati o ancora  perseguiti stili di vita da “libero pensatore”  o,   non sempre in subordine,  con gran lustro  a loro  attribuibile   quanto a   expertise da tombeur des femmes. “Certificazione”  per noi allora vista come corollario di una superiore cultura di filosofia  da “beniamini della vita”  indistinguibile dalla cultura tout court   (Casanova non era stato homme de lettres?).

Certamente non consideravamo una deminutio dei nostri attempati ed eletti    maître à penser   (tra i quali   il “libertino”  e lucidissimo Lord  Bertrand Russell, che entrava e usciva di galera per la sua opposizione alla guerra del Vietnam,  era più che ottuagenario),  la  loro più o meno veneranda età, quanto semmai il contrario,  e quanto agli enfant prodige di cui pur v’era talvolta  traccia  nei rotocalchi da barbiere, era universale  persino da parte dei “gazzettieri” la loro iscrizione tra i fenomeni da circo o da baraccone ( del tipo della “donna cannone”, quella “barbuta” o l’”uomo più alto del mondo” e così via) come altri  ludum naturae e non già come legge di natura. E non fu per l’antiautoritarismo argomentato  di Benjamin Spock che venne meno la “pedagogia” delle bacchettate a scuola,   piuttosto che per il fatto che fossero i “grandi”  in quanto tali a picchiare  righelli sulle mani dei più giovani ? Certo lo sport non poteva che confermare che le gambe dei più giovani corressero più veloci e fossero più resistenti dei più vecchi, ma mai la scienza  ha avallato il pregiudizio  “giovanilista”  che demagoghi e politici mestieranti –  con l’ausilio  di  istituzioni come l’ISTAT o  “Centri” meno formali come l’almanaccante CENSIS  in cerca di “visibilità” e puntuale servizio televisivo.  – per captatio benevolentiae  vanno da qualche tempo montando,  denunciando il bisogno di “rinnovamento a favore dei giovani”  versus la documentata decrepitezza della “classe dirigente” ( sic! ) italiana rispetto al resto del mondo. Si poteva mai concepire, quando la mia generazione portava ancora i pantaloni corti,  che i malfermi e attempati De Gasperi e Togliatti, o Adenauer, Churchill, De Gaulle, per non dire in precedenza  del paralitico   Franklin Delano Roosvelt  pur   fino al giorno prima  della loro terrena dipartita fossero da sostituire in base a  pure esigenze anagrafiche? E che ciò non sia mai balenato nell’anticamera del cervello ai reggitori  del più efficiente  dei poteri che la storia possa annoverare, quello del più che  millenario Stato della Chiesa che  , fuori dai periodi “bui”,  hanno implicitamente optato per Pontefici  non certo freschi di seminario e con sicura ipertrofia prostatica ? Inoltre non si è fin  non troppo tempo fa convenuto che si davano, pur rimanendo alla sola logica della natura , giovani “vecchi” e vecchi “giovani”,   avendo la natura stessa  impacciate  spiegazioni quanto a efficienza delle “cellule grigie” e relative attese in termini di comportamenti e “contributi”  socialmente rilevanti  da offrire all’umanità in funzione dell’età  ?

 A corto da decenni di idee, vera causa della decadenza economica e civile dell’ex “Bel Paese”;  per quasi un ventennio  consegnatici a una “macchietta”  partorita dal vuoto  pneumatico  politico-culturale  dei suoi presunti  ectoplasmatici avversari  – per non dire dell’insipienza del così detto “meglio” della nostra stampa di “qualità”, basti pensare all’  innamoramento verso i De Mita, i Dalema, et hoc genus omne di Scalfari e della sua corte e “scuola” con tanto di allevamento infine  dei  Saviano  –;  oggi,  spinti dalla dura realtà del loro progressivo tramonto elettorale e connessi privilegi,  sperando di conservarsi un posticino per pura gratitudine e riconoscenza quali “apripista”,  i sedicenti leader dei moribondi partiti non trovano di meglio che  affidarsi alla demografia,  indicando nell’ “apertura ai giovani”  il rimedio alle macerie da loro prodotte.

Il succo “culturale” di tale “giovanilismo” va ricercato nel peggio del marketing dell’industria dello spettacolo ( su cui ha illuminato, in anticipo su tutti,  Guy Debord),  dove l’ “innovazione” viene confusa con la “novità”. Dove quest’ultima si spaccia  per la prima,  nell’ ingannevole unità di tempo giornaliera  dove non mancano di debuttare quotidianamente nuovi elettori- consumatori,   a digiuno definitorio di minestre strariscaldate e ammannite  fino lì da molti lustri e “confezionate” una ennesima volta qua “primizie”. Nell’illusione che l’insuccesso di un impresentabile spettacolo  possa riscattarsi cambiando la vecchia  troupe  con una più giovane, nel mentre il problema è l’assoluta inconsistenza del protestato spartito da “recitare”.

Per uscire dal generale e per esemplificare sulla demenza dei formulatori entusiasti e convinti della palingenesi “giovanilista” del nostro paese, si  prenda  come eclatante esempio ciò  che essi hanno allestito o avallato in materia di  disoccupazione giovanile,  che è diventata scandalosa in italici confini: la riforma pensionistica!  Che è consistita in un prolungamento sino alla senescenza dell’età lavorativa! Insomma e per sopramercato  “giovanilismo” a parole e  cattiva gerontofilia  sino al sadismo sociale nella pratica, in entrambi i casi il cortocircuito logico  e la schizofrenia propiziate dalla più inconsistente e superficiale delega alla demografia di ciò che “scienza economica”  e politica non sono in grado di declinare con un minimo di decente coerenza.

 In realtà e più subdolamente in entrambe le circostanze si tratta forse più che di ebete demagogia di viscido calcolo politico,  se si tiene presente quanto vomitato dagli economisti(ci) di regime su mandato oggettivo di una cronaca da basso impero incapace di fare Storia: innestare un caso di specie del vecchio escamotage della  mera  tattica politica del  divide et impera,  onde mantenere lo status quo;  mettendo i padri contro i figli “narrando” con tutti i prezzolati cantastorie che il benessere dei primi lo paga il malessere dei secondi . D’altronde non siamo il Paese che ha inverato  insieme al “trasformismo” il gattopardismo”,  cioè la dottrina del “ che tutto cambi a ché tutto resti tale e quale”?

Dietro il tirannicidio par excellence, quello di  Bruto che  uccide Cesare, c’è il tentativo- simbolo  di  salvare “Roma”  (emblema della  civiltà conosciuta)  dalla dittatura ( cesarismo,) non già  quello di rimuovere  la testa  ormai canuta e semicalva del dittatore quale  segnale di un leader ormai troppo in là negli anni.   

Ma c’è un pericolo maggiore che solo può avvertire chi come me ha vissuto cercando di resistere e di iniettare controveleni alle miglia di giovani  a cui ha insegnato  (?) negli ultimi decenni all’università, almeno per quel che riguarda la “scienza economica” altrimenti  affidata a economisti(ci) “akkademici” ( e meno “akkademici”,  addirittura aspiranti tali). Il genocidio cerebrale, la lobotomizzazione  di massa  delle generazioni cresciute dopo la sconfitta dell’utopia possibile  sessantottesca alla luce della reazione conseguitane. Reazione che ha inferto il suo coup de grâce  dopo la caduta del “Muro di Berlino”, avendo avuto tutto il tempo per far passare come vero il “socialismo reale”  in versione staliniana nell’Est Europa, avendo deprivato culturalmente dei fondamentali  i più. Così  orfani  di ogni categoria interpretativa di quella realtà inauguratasi con “il socialismo in un paese solo”,  autentica contraddizione in termini, che anche una lettura superficiale non già dell’arduo Das Kapital  ma del più popolare “Manifesto”decretava   abortiva,    scientificamente   “nata morta”,  ab imis . Più precisamente per mancanza nella arretrata  Russia del ’17  delle minime  condizioni  di sviluppo economico  necessarie per instaurare un autentico socialismo (risultando  l’approssimarsi progressivo al comunismo  del socialismo un  concetto equivalente  a quello dell’andamento di una curva asintotica, segnatamente l’uscita dell’umanità dal “regno della necessità” e quindi dal bisogno di lavorare).  Concetti impliciti in ciò   che ormai  adulto ebbe a insegnarmi Lelio Basso ( anch’egli un  esemplare “vecchio”)  con la densa affermazione : “il socialismo deve convenire”,   per vivere e prosperare.

Pertanto quando penso a una sostituzione o cambio di guardia  in chiave meramente biologico-darwiniana  a favore  di più “fresche” generazioni  béotien – a meno di singole pur rilevanti  eccezioni che  siano sfuggite per les  hasards de la vie  a quanto per  loro “progettato” dallo “spirito dei tempi” – mi tremano le vene ai  polsi. D’altronde non si tratta di quelle generazioni che hanno fatto della poi degenerata “febbre del sabato sera”  una cerimonia in onore di Thanatos (vedi rave party e gli impasticcamenti   per comitive  nelle  assordanti discoteche) –  e le cui ultimissime manifestazioni dopo la peste della droga fanno parlare di allarmanti e crescenti casi di alcolismo negli adolescenti –  e la cui più “raffinata” e meglio allevata  versione è talmente abituata a bersi i presupposti “scientifici” dell’ineluttabilità del lavoro precario a vita  e  la dottrina del “diventare imprenditori di se stessi” (contro cui persino il codice civile,   espressione del mito-tranello ideologico   che assimila ogni citoyen   al  bourgeois,  grida vendetta) da cibarsi come massimo sogno “civile” quello di un capitalismo “morale”,   in quanto  esente dal malaffare e dagli eccessi : Capitalismo “ripulito”,   dispensato da sacerdoti superpagati dal “sistema” come i  Saviano ( avete mai ascoltato nella sua “guida” alla  recuperata semantica delle parole quelle di “sfruttamento”, “profitto”, “precarietà”, disoccupazione, per non dire di neologismi come “esodati”, deindustrializzazione, o di termini o espressioni  cruciali,  da secoli   violentati da radicali fraintendimenti e pianificata disinformazione come “socialismo”, “capitalismo”, capitalismo quale “fine della storia” e così via sul pericoloso ambito  – a sua volta in attesa di esegesi critica –   del politically  correct? ).  Mito del tutto equivalente a quello di  ritenere di poter  morigerare una prostituta   riducendo il suo  giro di “affari”.

 Non c’è nel “giovanilismo” una sorta di inveramento del  progetto di ricerca”  eugenetico del dottor Mengele, inveramento  cui manca solo una piastrina al collo dei neonati  su cui incidere come per gli yougurt  una pur più lontana data di “scadenza? E non è vissuto ormai come problema “pubblico” l’allungarsi della vita media? O forse  questo discorrere costituisce  un gratificare  troppo,  nel male, la nostra “classe dirigente”( da brividi)  trattandosi invece  solo di stupidità all’ennesima potenza,  come nel caso delle “quote rosa” di cui  raro è trovar  donne che se ne offendano per  essersi fatte normare tra gli handiccapati e conseguente diritto a “posti riservati”? In ogni caso ci sono quasi gli estremi per aderire alla furbata  della “scommessa di Pascal”: rimetterci a una indimostrabile e invero molto improbabile esistenza di Dio raccomandandogli, nel caso,  la salvezza delle nostre anime ( S.O.S): comunque e in ogni caso,  si salvi chi può,  ricordando  amaramente quanto ebbe a dire Sartre in fin di vita: “l’uomo è una passione inutile”.

 

PS

 La lotta ai gerontorettori della “riformata” ( aziendalizzata) università italiana non  consiste nella  denuncia nella pur loro  veneranda età media,  ma nello scandalo del loro   protratto nel tempo   pessimo “regno” grazie all’instaurarsi del” voto di scambio” che ha fatto impennare  i costi   della supposta “alta formazione” con l’immissione in ruolo e veloce carriera dei loro  ignoranti “clientes” cui si deve il declino senza sosta  della nostra  “intellighenzia” . Il tema è stato assolutamente ignorato  nelle “lotte” delle più recenti generazioni di studenti universitari ( la cronaca da ultimo registra una “ribellione” – pensate un po’ i suoi “alti” obiettivi – avverso un professore in pensione in quanto  ancora membro di commissione di esami) ,  che,  al massimo,  si sono fatti paladini della necessità della “meritocrazia”  di cui un punto essenziale sarebbe la parola d’ordine“largo ai giovani”, senza minimamente interrogarsi su quale sistema di valori sia necessario e urgente misurare la “meritocrazia” ( un altro “vuoto” del Saviano “filosofo del linguaggio”). Per non dire del nesso tra anagrafe e meriti! Si può misurare altrimenti la “profondità” della cultura loro inculcata? E dire che tra essi non mancavano quelli che studiano filosofia,  presumibilmente aspirando a “meritarsi” ben remunerati “posti” in aziende all’avanguardia nell’imbonimento delle proprie maestranze  reclutando  -  ultima importazione dall’America  –  dopo gli psicologi chi ha studiato Platone e  Wittgenstein,  ma non l’ “undicesima”  e ultima  “Glossa su Feurbach”,   come è lecito supporre. Non li chiamo “filosofi” per non degradare quelli nostrani ( primo tra tutti il grande pensatore della “scuola del  San Raffaele” – non proprio  con fama paragonabile, a proposito di Blaise Pascal , a  quella di Port-Royal  des Champs  - Massimo Cacciari),   passati  come tali  – manco a dirlo –  dai conduttori televisivi italioti  e di cui vano è trovare riscontri tra i formulatori di una qualche   sistema di pensiero che possa  aspirare a chiamarsi tale,  pur in epoca di celebrato “pensiero debole”;  che dice poco,  ma spiega tanto,  senza volerlo.

 

Vittorangelo Orati (vitorati@alice.it)

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Redazione » Articoli 665 | Commenti: 254

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: