Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2011 La Finanza sul Web | Articolo visto 10091 volte 01 novembre 2011

TITOLI DI STATO NEL MIRINO, I CONTI NON TORNANO

Di Redazione  •  Inserito in: Finanza, finanza italiana, Focus

Redazione – 1 novembre 2011

Qualche giorno fa l’Autorità bancaria europea (Eba) ha imposto un aumento di capitale alle banche che hanno nei loro bilanci titoli di stato greci, spagnoli, irlandesi, portoghesi e italiani, includendo quest’ultimi di fatto tra i titoli a rischio. È stridente il fatto che non sia stata imposta alcuna ricapitalizzazione alle banche francesi, che detengono ingenti quantità di “titoli tossici”, quelli, per intenderci, rientranti nella categoria di mutui subprime, ossia i titoli spazzatura che hanno provocato la crisi finanziaria del 2007. A quanto pare, oggi si considera rischioso quello che non è mai stato tale, mentre non si considera più rischioso quello che ha ampiamente dimostrato di esserlo.

Alla fine della fiera le banche italiane ne risultano penalizzate, assieme a quelle spagnole, a vantaggio di quelle francesi e tedesche. Il rischio oggettivo è che le banche italiane  diventino il capro espiatorio delle difficoltà delle banche d’Oltralpe. I dati ABI confermano quanto detto. Infatti, secondo l’associazione delle banche italiane, la banca che detiene titoli tossici in maggior misura è proprio la Deutsche Bank (98%), contro le due nostre banche Intesa Sanpaolo (8%) e Unicredit (18%), che ne detengono un modesta misura.

Il discorso è analogo se si guarda all’indebitamento delle banche ai fini di investimento, la cosiddetta leva finanziaria. Le banche italiane, dati Abi alla mano, si indebitano per una cifra pari a 14 volte il proprio patrimonio, contro quelle tedesche che hanno un indebitamento pari a 35 volte o quelle francesi che hanno un indebitamento pari a 30 volte il proprio patrimonio. Il rapporto, quindi, è di 1 a 3 per le banche italiane.

Tuttavia, non saranno né le banche tedesche né quelle francesi a dover essere ricapitalizzate.

Questo stravagante ragionamento, che ha tutta l’aria di essere frutto di spinte speculative, ha già mietuto una prima vittima eccellente: la MF Global Holdings, società americana di brokeraggio, che ha dichiarato fallimento proprio perché non è riuscita a piazzare sul mercato titoli di stato europei considerati di punto in bianco a rischio.
ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Redazione » Articoli 665 | Commenti: 254

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

  • Berlusconi s’è dimesso la speculazione no

    di Giorgio Vitangeli La speculazione internazionale, che dalla scorsa primavera – instradata dalle Agenzie di rating- ha martellato ininterrottamente i titoli del debito pubblico italiano, ha finito dunque col determinare in...

  • La Federal Reserve ormai è una grande “bad bank”

    di Paolo Raimondi   Lo ha ammesso lo stesso Bernanke     Durante l’ultimo simposio bancario annuale di fine agosto a Jackson Hole, nello stato del Wyoming, Ben Bernanke ha ufficialmente ammesso che la...

  • Il “rischio sovrano” torna a pesare

    I titoli di stato hanno perso ormai il loro status di bene rifugio per eccellenza. L’andamento dei rendimenti dei titoli di stato dei paesi che hanno adottato l’euro, che offrivano...

  • CRISI: ROSSI (ELD) L’ UE VIGILI SU MERCATO NON REGOLAMENTATO STEP

    “A banche francesi più liquidità da Bce, per scarsa trasparenza su titoli emessi sul mercato STEP”. Interrogata Commissione Ue      La Commissione Ue verifichi che «il mercato francofilo multi-miliardario degli Short...

  • La Grecia, la speculazione e l’assenza dell’ Europa.

    il partenone

    Dopo il martedi’ nero che ha visto Piazza Affari sprofondare a – 6,8%  e le borse di mezzo mondo crollare drammaticamente, ci si aspettava, nella giornata di oggi, un balzo positivo,...

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: