Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2011 La Finanza sul Web | Articolo visto 18214 volte 06 maggio 2011

Long Term Investors Club: la collaborazione che offre la Russia

Per un diverso modello di sviluppo multipolare dell’economia post-crisi

Di Redazione  •  Inserito in: Asia, Europa, Planisfero, Ricerche e Studi

di Ruslan S. Grinberg *- Mikhail Y. Baydakov**- Yury V. Gromyko***

 

Dal  2009 il “Long-Term Investors Club (LTIC) ha sviluppato nuovi strumenti e  modelli di valutazione per gli investimenti a lungo termine.

Un gruppo di banchieri di spicco di vari paesi dell’Est Europa, senza un eccessiva copertura mediatica, sta lavorando concretamente alla creazione del futuro sistema finanziario ed economico.

Nella nostra visione l’iniziativa del Long-Term Investors Club e’ un’azione  seria, volta a superare i limiti della struttura speculativa delle attuali istituzioni finanziarie.

E’ necessario, pertanto, iniziare un processo di analisi delle obsolete istituzioni finanziarie tradizionali.

Non a caso il ministro dell’Economia italiano, Giulio Tremonti, alla sessione finale della conferenza tenutasi a Roma  in giugno della LTIC ha ripetuto le sue dichiarazioni pubblicate precedentemente sul giornale francese “Le Monde” : “ La creazione del Long-Term Investors Club e dei suoi stumenti come i fondi Margherita e Inframed sono solo il primo passo. C’e’ un deficit di ideali e  di volontà nell’Europa di oggi”.

Il contesto dell’ LTIC e’ al tempo stesso tecnico e politico. Dal punto di vista tecnico l’LTIC e’ impegnato nella forte implementazione di nuovi strumenti per promuovere  nel mondo operazioni finanziarie orientate alla crescita economica.

Dal punto di vista politico il Club contribuisce a una piattaforma programmatica per trovare una reale strategia d’uscita dalla crisi globale della finanza, dell’economia e della civiltà.

La prospettiva di investimenti a lungo termine mira a superare i limiti delle due misure principali  cui i governi dei vari paesi sono inclini: tenere a freno la spesa sociale e controllare l’inflazione.

.Saranno gli standard finanziari e i nuovi strumenti finanziari adottati nei mercati globali?

Per quanto paradossale possa sembrare, a nostro parere, questo sarà determinato non solo dagli standard in se stessi, ma dagli obbiettivi degli investimenti a lungo termine e dall’accordo internazionale per supportare tali obbiettivi

 

2) Le domande russe al Long Term Investors Club

 

Nel processo di definizione degli obbiettivi degli investimenti a lungo termine che devono portare a un nuovo ordine economico, non ci si può limitare all’aspetto finanziario.

Sara’ necessario chiarire i contenuti degli obbiettivi degli investimenti a lungo termine e mostrare come e perche’ investimenti a lungo termine di valore prioritario garantiranno la creazione di una nuova economia, con livelli di crescita del benessere pubblico molto alti.

Quali, in generale, possono essere sottolineati tra gli obbiettivi di investimenti a lungo termine?

Prima di tutto la creazione di fondamentali nuove industrie sulla base delle tecnologie all’avanguardia per creare le infrastrutture di nuova generazione:  l’ingegneria termo nucleare, l’ingegneria dell’energia solare, i nuovi nano- materiali, le tecnologie laser, l’ingegneria spaziale, i sistemi bio fotonici ed i sistemi di trasporto a levitazione magnetica. Tutto ciò richiede anche sistemi di infrastrutture integrati in grado di sviluppare la realizzazione di alcune nuove scoperte.

Esistono alcuni centri scientifici russi che possiedono le competenze e gli strumenti per affrontare sfide cosi’ innovative.

Ma la scienza russa orientata alla concretezza, anche se già con alcune produzioni sperimentali, e’ ancora lontana dalla capacita’ di produzione su larga scala dell’Occidente, a causa di una certo ritardo istituzionale del sistema industriale russo.

 

Il nuovo ordine economico mondiale post crisi deve garantire un tasso di crescita della ricchezza pubblica 10 volte superiore all’attuale.

 

L’iniziativa del Club LTIC puo’ essere giudicata diversamente a seconda se la sua azione sia connessa alla creazione di una nuova architettura finanziaria per lo sviluppo o se venga vista come un meccanismo per limitare la speculazione finanziaria.

Nel primo caso e’ necessario considerare il ruolo e le funzioni dell’architettura finanziaria per una nuova economia post crisi; nel secondo caso occorre definire le condizioni per la creazione di canali atti ad  orientare i capitali speculativi verso l’economia produttiva.

Noi siamo interessati a lavorare al prima ipotesi dell’iniziativa del LTIC.

In questo caso la domanda principale e’ in che modo dopo la crisi saranno organizzate le strutture della produzione e del consumo (cioè della domanda).

In altre parole che genere di industrie  nasceranno dopo la crisi e diventeranno le colonne portanti della nuova architettura dell’economia mondiale? E come esse influiranno sulla creazione di un nuovo sistema finanziario che colleghi produzione e consumo nell’economia globale post crisi?

E’ infatti impossibile parlare di investimenti a lungo termine e di programmi di sviluppo senza rispondere alla domanda relativa alla futura struttura economica post-crisi, e lo stesso vale per quanto riguarda la futura politica sociale e il ruolo dello Stato.

Dobbiamo anche considerare che il periodo acuto di una crisi dura per circa 5/8 anni, e che un possibile nuovo equilibrio sopraggiungerà mentre tali programmi di sviluppo saranno implementati.

L’importante iniziativa del LTIC necessita, a nostro parere, di una importante aggiunta metodologica. Quale è l’obbiettivo degli investimenti a lungo termine e  come da questo punto di vista, questa prospettiva di lungo termine deve essere intesa?

Dal punto di vista delle regole, il processo di investimenti a lungo termine viene introdotto per rendere impossibile, o quantomeno per restringere significativamente,  la rapida circolazione di capitali a breve termine, secondo lo schema M1-M2-M3 (dove M3 è maggiore di M2, maggiore di M1).

Il calcolo immediato delle banconote deve essere dichiarato collegando la quantità di moneta all’attività creativa ed ai processi vitali.

Ma perche’ non e’ possibile accelerare i processi vitali e di attività creativa alla velocità della crescita del danaro? Per una ragione semplice: questi processi hanno una loro velocità naturale; non rispettare tale velocità porterebbe a un collasso del processo.

Un tipico esempio di investimento a lungo termine e’ il processo di formazione ed educazione, nel corso del  quale vengono aumentate le potenzialità degli individui. Queste potenzialità sono quindi capitalizzate e trasformate in capitale umano.

Notevoli  risorse devono essere investite sui nuovi nati, se vogliamo che, una volta cresciuti, essi siano in grado di parlare cinque lingue straniere, siano in grado di pensare, di scrivere poesie e musica, e siano in grado di trovare la propria strada in un mondo difficile e competitivo e costruire un loro progetto di vita.

Un ritorno positivo per la società da questo tipo di investimento a lungo termine può iniziare dopo i 15/16 anni di età se questi individui prenderanno parte a speciali settori produttivi fissati per i giovanissimi dal sistema istituzionale statale, ma di solito questo ritorno inizia molto dopo, all’eta’ di 24 o 25 anni, dopo gli studi universitari e la specializzazione. Naturalmente anche qualunque altro successivo stage di formazione può essere valutato e capitalizzato.

Un bambino che sappia leggere, scrivere in due lingue, risolvere problemi, suonare musica e danzare  possiede potenzialità ben diverse rispetto ad a un bambino senzatetto, soggetto a violenze sessuali e con il quale terapisti e psichiatri dovranno lavorare. Perciò ogni stadio di sviluppo dell’età  ha una sua misura di potenzialità e di  capitalizzazione.

Non c’è bisogno di sottolineare che il processo di formazione delle potenzialità presenta dei rischi, che debbono essere presi in considerazione. Formare un musicista preparato è un compito totalmente diverso dal creare le condizioni per la nascita di un nuovo Mozart. Ma l’esperienza dell’insegnamento della musica classica nelle famiglie condotta, ad esempio, in Germania, mostra che questa pratica è piuttosto vantaggiosa.

Che tipo di approccio a lungo termine rende indispensabile il processo d’investimento a lungo termine? Osserviamo tre tipi di questo processo.

  1. Formazione di nuove strutture tecnico-industriali e socioculturali sulla base della padronanza di tecnologie basate su nuovi principi fisici e sui loro effetti. La principale caratteristica di queste nuove strutture è un nuovo tipo di gestione basata sul trasferimento di conoscenza e tecnologia.
  2. Nuovi principi di gestione e di distribuzione territoriale della popolazione organizzati su nuclei funzionali.
  3. Nuove infrastrutture che garantiscano  anche la formazione di micro regioni come risposta alla globalizzazione.

 

3-Possibili campi di interazione del Long Term Investors Club con la Russia.

 

Noi riteniamo che esistano tre possibili livelli di interazione tra la Russia ed il Long Term Investors Club. Il primo è definito dallo sviluppo di una cultura di ingegneria finanziaria in Russia. Una familiarizzazione con essa e  la futura  padronanza di strumenti e standard finanziari, che il Gruppo metodologico del Club sta sviluppando, è di importanza cruciale. Il Russian Meta Industrial Project Group è pronto ad organizzare la promozione di tali standard e la loro introduzione nel sistema degli Istituti finanziari russi. E’ necessario educare la comunità degli esperti finanziari della Russia a comprendere l’importanza di tali strumenti e misure.

Il secondo livello di interazione sarà l’investimento dei capitali delle Istituzioni finanziarie russe in alcuni progetti di sviluppo infrastrutturale avviati dal Club e la partecipazione dei capitali dei  membri del Club in progetti russi. In questo caso si possono usare gli stessi strumenti già usati dal Club, come speciali fondi per investimenti diretti di sviluppo infrastrutturali quali il Fondo Margherita ed il Fondo Inframed per le infrastrutture nel Mediterraneo.

Il terzo livello, molto specifico, di interazione consiste in una possibile collaborazione tra il Club ed i Circoli di affari russi, per individuare nuovi meccanismi per favorire la creazione di benessere collettivo.  Questi meccanismi eccedono le capacità del fondi attualmente disponibili e richiedono la creazione di altri strumenti manageriali. La base di questi meccanismi è la creazione di nuove strutture tecnologico-industriali  attraverso lo sviluppo e la realizzazione di progetti infrastrutturali. Ciò richiede la creazione di un nuovo meccanismo di cooperazione internazionale basato sulle scienze fondamentali: l’ingegneria, l’innovazione industriale, l’istruzione e la finanza per la realizzazione del benessere collettivo.

In un tale approccio l’assetto finanziario rappresenta soltanto la punta dell’iceberg, per definire correttamente la parte sommersa dell’iceberg e per permettere la sua individuazione nell’oceano.

Ma le strutture e le forme dell’organizzazione dei progetti multi infrastrutturali internazionali rappresentano la vera sfida.

Va sottolineato che ognuna di queste forme di cooperazione possiede una propria capacità finanziaria ed un proprio sistema di bilancio. Per questo il primo tipo d’interazione presuppone investimenti per un ammontare di svariati milioni di euro. La scala del secondo livello di cooperazione rientra nella forbice tra svariate centinaia di milioni e svariati miliardi di euro. La creazione e l’implementazione di progetti internazionali multi infrastrutturali di avanzamento tecnologico può richiedere l’investimento iniziale di un trilione di euro.

Non parliamo unicamente di moneta fisica, ma delle regole per l’organizzazione di strumenti finanziari e di accordi d’ingegneria finanziaria.

4. Le istituzioni della nuova industrializzazione – L’insieme delle meta industrie delle nuove sfere economiche post-crisi.

I tre livelli d’interazione sopra menzionati nella sfera degli investimenti a lungo termine possono essere visti indipendentemente l’uno dall’altro, ma possono anche intersecarsi l’uno con l’altro.

Entrambe le possibilità di un tale separazione o di un’unione sintetica presentano nuove esigenze e nuovi obbiettivi per l’organizzazione delle fondamentali ricerche scientifiche orientate alla pratica e del loro sviluppo. Questo perché tali sviluppi ed esigenze possono essere collegati con importanti singole realizzazioni, ma anche a grandi infrastrutture o a grandi dimensioni territoriali.

La trasformazione del sistema industriale e sociale attraverso infrastrutture ed ultrastrutture (azioni per la messa a punto di obbiettivi strategici e di sviluppo degli scenari) è caratteristica dell’approccio meta industriale sia  a livello globale che locale (indipendentemente dal grado di globalismo o localismo), che è attivato per la creazione di una nuova industria o per la ristrutturazione di una già esistente. Quando l’infrastruttura stessa è l’oggetto della trasformazione ciò riorganizza anche una sostanziale gamma di attività.

Un progetto meta-industriale come nuova forma di organizzazione delle attività confuta gli argomenti di coloro che asseriscono che non esiste una via di uscita pacifica dalla crisi, che l’economia globale e le sue istituzioni non avranno il tempo di definire forme di riorientamento dei risparmi e degli altri strumenti monetari verso il sistema dell’economia reale, e che la riorganizzazione del debito globale non è necessaria.

In questo caso lo scoppio di un nuovo conflitto militare globale è possibile come un modo per provocare un nuovo “start up” attraverso una catastrofe sociale. Dal nostro punto di vista, grazie all’approccio meta-industriale, una crescita esponenziale del benessere collettivo prodotto da una larga scala di progetti può tradursi in un nuovo rapido “start up” dell’economia. Oggi un simile progetto meta-industriale potrebbe essere la creazione di un corridoio  trans eurasiatico di sviluppo basato su un sistema di trasporti a levitazione magnetica. Questo corridoio di sviluppo dovrebbe includere anche altre forme di trasporto: energetico, idrico e informatico.  Per esempio, un primo passo di questo corridoio di sviluppo potrebbe essere realizzato con la creazione di sistemi di levitazione magnetica ultraveloci tra Astana e Alma-Ata. La soluzione radicalmente nuova, quindi, può essere estesa attraverso l’Asia Centrale, la Russia e la Cina. E’ molto importante che il sistema di trasporto a levitazione magnetica sia indipendente dalle linee ferroviarie tradizionali. Il primo infatti è come un razzo che sfreccia sopra il terreno, diverso quindi dai vecchi meccanismi delle locomotive elettriche.

E’ in questa prospettiva che il Long-Term Investors Club può divenire il soggetto di nuovi accordi tra i gruppi finanziari di Russia, Cina e Kazakistan.

La realizzazione di nuove tecnologie al posto di quelle vecchie può essere portata avanti non solo nel sistema produttivo ma anche in altre attività connesse alla vita ed alla promozione sociale, così come nella creazione di progetti di infrastrutture per l’organizzazione del territorio.

Tra alcune delle nuove tecnologie che possono essere usate per lo sviluppo di nuove infrastrutture, possiamo identificare alcune importanti soluzioni geo-economiche:

 

  1. Realizzazione di nuove infrastrutture e modernizzazione di quelle già esistenti.
  2. Trasferimento di soluzioni infrastrutturali da una Regione ad altre.
  3. Implementazione di specifiche e peculiari infrastrutture soltanto in una singola Regione.
  4. Realizzazione di infrastrutture di importanza planetaria (come il corridoio di sviluppo transeuro-asiatico).

 

Per finanziare investimenti di diversa tipologia è necessario mobilitare ed attrarre differenti tipi di capitali: capitali statali ed interstatali, capitali pubblici e privati, risparmi.

Strumenti d’investimento a lungo termine nella forma di fondi speciali e di altri nuovi strumenti di finanziamento internazionale sono necessari per la Russia, ad esempio, per promuovere il corridoio di sviluppo transeuro-asiatico. Un corridoio di sviluppo crea una numerosa serie di infrastrutture: sistema di trasporto a levitazione magnetica, distinto dall’esistente trasporto su rotaia, trasporto tradizionale su rotaia,  trasporto su gomma, oleodotti e gasdotti, acquedotti e vie di trasporto idrico, sistemi informatici, reti elettriche intelligenti e corridoi di banche dati. Questa rete infrastrutturale connettendo l’Europa, attraverso la Russia, con il Kazakistan, la Cina, il Giappone, la Corea ed il resto dell’Asia crea una gigantesca opportunità per tutti i commerci interni che saranno velocemente collegati ai due estremi del corridoio transeuropeo. Inoltre questo corridoio di sviluppo diventerà un collegamento multimodale di differenti infrastrutture, permettendo di utilizzare il vasto territorio russo e la fondazione di nuove città e diventerà l’obbiettivo primario di  un Fondo russo per le infrastrutture.

 

  1. 5) Creare nuovi speciali strumenti per accordi globali è indispensabile. Il Convegno strategico svoltosi a Modena.

 

I finanziamenti a lungo termine possono essere usati da coloro i quali possiedono una strategia a lungo termine di trasformazione dell’ordine mondiale. Per costruire una strategia a lungo termine è necessario identificare i problemi fondamentali nelle decisioni che hanno portato alla presente crisi e cambiare gli assunti sbagliati dei decision-makers. Solo dopo questo cambiamento di mentalità sarà possibile cambiare anche i modi di agire.

La strategia a lungo termine di trasformazione dell’ordine economico mondiale crea l’opportunità di varare un numero di linee di cambiamento indipendenti, le quali, entrando in gioco simultaneamente, creeranno una nuova economia di sviluppo cui partecipino differenti civiltà. Questo potrebbe essere il futuro ordine multipolare in cui differenti Paesi e differenti economie nazionali in diversi momenti assumeranno una posizione di leadersheep in alcuni settori cruciali perdendo la loro egemonia in altri. La finanza con l’insieme di regole, standard, strumenti, copre solo un piano di una costruzione più alta. E’ la combinazione di differenti livelli mossi da una nuova finanza dinamica che definisce l’approccio di lungo termine degli investimenti finanziari. Se non è un vero processo a lungo termine ma soltanto un processo di movimento rapido, allora gli investimenti a lungo termine sono fittizi.

Un movimento finanziario isolato, senza progetti, conoscenze, tecnologie, competenze e le istituzioni richieste, è qualcosa di irrealistico. Se ci limitiamo a decelerare i movimenti finanziari ignorando la supremazia qualitativa degli investimenti reali, non eviteremo la speculazione. Al contrario,  se studiamo i vantaggi di una combinazione di grandi progetti che necessitano di supporto creditizio, allora la questione che si pone è: perché le soluzioni create dalla combinazione di progetti sono vantaggiose e positive per gli investimenti finanziari?

Possono essere proficue solo se gli investimenti a lungo termine divengono parte integrante della nuova economia mondiale.

Gli investimenti a lungo termine così definiti necessitano di accordi internazionali a vari livelli: non soltanto tra finanzieri e politici, ma anche tra industriali, uomini d’affari e scienziati. Proprio come gli investimenti a lungo termine necessitano di nuovi strumenti finanziari, così i nuovi accordi necessitano di nuovi strumenti d’integrazione intellettuale. Abbiamo sviluppato uno di tali strumenti di pianificazione strategica nel Seminario internazionale che ha portato alla “Dichiarazione di Modena”.

 

6- Nuovi standard finanziari e mercati finanziari globali.

 

Questi oggettivi investimenti a lungo termine ci portano a considerare i mercati finanziari globali un gradino al disotto della posizione del Long Term Investments Club. La creazione delle condizioni per una significativa crescita del benessere mondiale richiede investimenti per svariati trilioni di euro. Per esempio, solo la realizzazione del corridoio di sviluppo basato sulla linea ferroviaria a levitazione magnetica attraverso l’Asia centrale richiede due trilioni di euro di investimenti. La creazione di una nuova industria di costruzione per macchine laser richiederebbe circa mezzo trilione di euro. L’Unione Europea non dispone di risorse finanziarie sufficienti, ma gli investitori cinesi ed arabi hanno il denaro necessario. In minore quantità anche la Russia ed il Kazakistan dispongono di proventi petroliferi da investire.

Per queste ragioni la concretizzazione di progetti infrastrutturali sui quali si baserà l’economia multi polare successiva alla crisi può trasformare gli standard del Long Term Investments Club  nello strumento per la formazione di mercati finanziari non speculativi dove sarà affrontata la questione della creazione di infrastrutture scientificamente concepite.

*Direttore dell’Istituto di Economia di Mosca

** Presidente della Millenium Investments Bank di Mosca

***  Direttore dell’Istituto Shiffers di Studi Avanzati di Mosca

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Redazione » Articoli 667 | Commenti: 159

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: