Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2011 La Finanza sul Web | Articolo visto 6136 volte 25 giugno 2011

La mano invisibile

Di Redazione  •  Inserito in: Economia Internazionale, La Coda dello Scorpione, lettere alla redazione, Rubriche

 

Sul piano della scienza economica cominciò con von Hayek, e soprattutto con Milton Friedman; sul piano politico furono però la Tatcher e Ronald Reagan a trasformare le ipotesi dei due economisti in politiche di governo.

Era l’inizio degli anni ’80 del secolo scorso, e il mondo occidentale non se la passava poi tanto male.

“Per star bene, stavo bene; per star meglio feci cura, feci cura e giaccio qui”, come era scritto su una lapide. La cura fu appunto quella del tatcherismo e della “reaganomics” che cominciò in quegli anni, ed è andata avanti a dosi crescenti. Gli ingredienti di quella terapia ricostituente? Monetarismo e supply-side, cioè stimoli non più alla domanda, ma all’offerta, riduzione delle tasse, fede totale nel mercato e nella sua “mano invisibile”, liberismo divenuto poi “globalismo”,  privatizzazioni, “deregulation” e “stato minimo”.

“Il governo non è la soluzione dei nostri problemi, è il problema”, sentenziava Reagan.

Come è andata a finire? Il debito pubblico degli Stati Uniti all’avvento di Reagan e di Greenspan  a  capo della Fed era di 786 miliardi di dollari; Obama insediandosi alla Casa Bianca ha trovato un “buco” di circa 10.000 miliardi. E qualcuno pensa addirittura che Greenspan l’abbia fatto apposta, cioè col segreto proposito di  far collassare la Fed e tornare  alla parità aurea. Intanto il prezzo dell’oro dai 35 dollari l’oncia dell’inizio degli anni ’70 è salito a circa 1.500 dollari. E c’è chi ipotizza che possa arrivare addirittura a 5.000.

All’insegna della “deregulation” si è scatenata la speculazione finanziaria, inventandone una più del diavolo. Accanto al sistema bancario tradizionale è cresciuto un “sistema ombra” che sfugge a regole e controlli. Finché tre anni fa il castello di carta è crollato,  minacciando di far collassare l’economia del mondo intero. Persino negli Stati Uniti lo Stato è dovuto intervenire massicciamente, per salvare alcune banche dal tracollo.  E ancora non siamo fuori dalla crisi.

Grazie al liberismo globale la Cina cresce a tassi del 10% all’anno, mentre l’economia dell’Occidente langue, aumenta la disoccupazione, si accresce il divario sociale tra ricchi e poveri, tra giovani ed anziani. S’invoca ormai da più parti il ritorno alle regole.

Ma non c’era la “mano invisibile” a regolare lei provvidenzialmente il mercato? C’era, c’era. Ma si è fregato tutto.

 

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...

Autore: Redazione » Articoli 670 | Commenti: 235

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

  • Usa: si ferma la crescita e si teme l’inflazione

      Brutta sorpresa per gli Stati Uniti:  la comunità economica e finanziaria americana si aspettava una crescita, anche se modesta, del PIL, stimata in circa l’1%, e tirate le somme si...

  • Crisi antropologica non economica

    di Fabrizio Pezzani Il tema sollevato sulla congruenza dei Nobel assegnati e la volontà del fondatore ed il processo all’Economia è solo una parte di un problema molto più complesso e...

  • Creare valore per la comunità

    di Giorgio Vitangeli     Qualche centinaio di “anarchici insurrezionalisti”, giunti anche dall’estero, inseritisi a Roma nel corteo di duecentomila “indignati”, hanno trasformato per quattro ore la capitale in un teatro di guerriglia...

  • Il liberismo liberticida

     Articolo uscito sul quotidiano on line dell’Università Bocconi di Milano. di Fabrizio Pezzani L’attuale pensiero unico liberista o neoliberista dichiara di  trovare le sue prime radici e legittimazione negli scritti di  Adam...

  • Finmeccanica: Ansaldo STS si aggiudica una nuova commessa a Riyadh per 680 milioni di dollari

    Ansaldo STS, una società di Finmeccanica, si è aggiudicata una commessa del valore di 680 milioni di dollari per la realizzazione della linea più lunga della nuova metropolitana di Riyadh,...

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: