Europa Nord America Centro America Sud America Africa Asia Oceania

Home | ©2011 La Finanza sul Web | Articolo visto 1877 volte 20 settembre 2011

Fonsai e Milano Assicurazioni: prima un rialzo da record, poi nella tempesta della borsa

Di Redazione  •  Inserito in: finanza italiana

Sembravano destinate a scivolare sempre più in basso nelle quotazioni di Borsa, e qualcuno già cominciava a mormorare che l’”avventura” della famiglia Ligresti nel mondo delle assicurazioni si avviava al tramonto. Poi mercoledì 29 giugno lo scenario è mutato all’improvviso. Fonsai e Milano Assicurazioni sono state protagoniste di una rimonta  clamorosa: in una sola seduta infatti Fonsai ha recuperato il 23,18%, e l’azione è risalita a 2,71 euro, mentre Milano Assicurazioni ha riguadagnato addirittura più del 50%, balzando a 0,44 euro, in un frenetico intrecciarsi di contrattazioni ( rispettivamente sei ed otto volte la media giornaliera dell’ultimo mese).Gli analisti ed i commentatori– presi tutti in contropiede- si sono sbizzarriti nel cercare una giustificazione a questa travolgente inversione degli “umori” del mercato. Alcuni hanno tirato in ballo l’“effetto Grecia”: Fonsai ha in portafoglio grossi pacchetti di titoli finanziari (Generali, Mediobanca, Unicredit), che sono i più esposti ai rischi di “default” di Atene, e beneficiano invece delle prospettive di una soluzione del problema del debito greco che cominciano ad emergere.

Un’altra presunta motivazione per il poderoso recupero dei titoli assicurativi della famiglia Ligresti è di carattere tecnico: Milano Assicurazioni e Sai Holding hanno venduto i diritti di opzione riguardanti 11 milioni di azioni Fonsai , non potendo le azioni proprie prendere parte all’aumento di capitale. Parte di tale cessione è avvenuta fuori mercato, e l’acquirente sarebbe un investitore istituzionale inglese. Riducendosi così l’offerta dei diritti la loro quotazione in un giorno è aumentata del 45% per Fonsai, ed è addirittura raddoppiata per Milano Assicurazioni.

A questi livelli ci sarebbero anche azioni di ricopertura dei ribassisti che avevano venduto allo scoperto. Ma la spiegazione più semplice (e più evidente…) è un’altra: i “fondamentali” delle due società non giustificavano quotazioni così depresse: i primi a rendersene conto sono stati gli investitori istituzionali, che hanno ricominciato a comprare. Constatato il “giro di boa”, tutti gli altri si sono accodati in massa.

Poi e’ sopraggiunta la tempesta sul mercato azionario italiano, che ha investito soprattutto i titoli finanziari, e Fondiaria con essi, ma mentre scriviamo il recupero e’ gia’ iniziato.

ScarsoMediocreSufficienteDiscretoBuono
Loading ... Loading ...
Nessun tag per questo articolo

Autore: Redazione » Articoli 678 | Commenti: 344

Seguimi su Twitter | Pagina Facebook

0 Commenti   •  Commenta anche tu!

Nessun Commento ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento   •   Leggi le regole

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Abbonati

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua casella email

Inserisci la tua email: